Digitalizzare

Ieri ho ricevuto a domicilio il nuovo scanner super performante, che ho comprato con l’intenzione di digitalizzare gran parte del cartaceo presente in casa. Per fare spazio, per ridimensionare, per minimizzarlo, ma soprattutto per lasciare andare (anche se pur parzialmente), alcune cose.

Da ieri sto riducendo i ricordi di una vita, in primis i miei diari di adolescente (1997-2003), in un ammasso di bit, in qualcosa di intangibile e suscettibile all’elettricità. Qualcosa che prima era carta, lacrime, inchiostro e infine scotch per tenere tutto insieme, quando l’usura aveva logorato le rilegature, ora è un insieme di codici all’interno del mio computer.

Lo strappo è notevole, hanno ragione a dire che nel processo di decluttering, gli oggetti sentimentali vanno lasciati in fondo quando siamo ormai consumati guerrieri delle pulizie.

E’ inutile negarlo, separarsi da cose che abbiamo custodito per una vita, come parte di noi stessi, come malta che teneva insieme le nostre riflessioni, pianti, affetti e ricordi, FA MALE. Ma è un processo utile, che insegna a trasferire quelle emozioni dentro di noi. Le immagini, le dediche, le parole, devono conficcarsi nella nostra memoria, non possono risiedere per sempre nelle cose.

Mentre lo scanner ingoia una a una le cartoline che io e la mia famiglia abbiamo ricevuto negli ultimi 40 anni, rivivo sentimenti che avevo riposto in uno scaffale, nel raccoglitore dove le stesse avevano trovato un posto apparentemente definitivo. E anche qui si risvegliano ricordi sopiti, momenti, amicizie lasciate indietro lungo il percorso. A pensarci bene me li sono già lasciati alle spalle, è giusto lasciarli andare.

Mi chiedo persino quanto sia giusto tenerne traccia con le scansioni. Ma per ora lascio spazio a questa archiviazione che forse un domani farò sparire con un clic.

Nulla dura. L’evoluzione e come già ho detto il muoversi in avanti, sono il carburante che ci tiene vivi. Non possiamo affidarci alla fragile sicurezza di mantenere una parte di noi sugli scaffali. Non possiamo soffermarci su ogni passo che compiamo. Dobbiamo muoverne un altro e un altro ancora. Solo così possiamo proseguire nella crescita, lungo la strada della nostra vita.

Regali che non ingombrano

Photo by Giftpundits.com on Pexels.com

Sembrano lontani i momenti in cui ci riunivamo davanti ad una torta piena di candeline o davanti all’albero di Natale, vicini uno all’altro abbracciandoci e ridendo insieme. Ora il massimo che possiamo fare è una videochiamata di gruppo, che pensando a chi non può permettersela, tutto sommato non è neanche malaccio.

Ma quando potremo tornare a vederci e a festeggiare, e voglio credere che quel momento arriverà presto o tardi, anche grazie alle nuove consapevolezze svegliate da questo momento di restrizioni, possiamo provare a considerare un nuovo modo di farci regali, più minimalista e meno legato al consumismo a cui purtroppo apparteniamo.

Vi presento qui di seguito alcune ispirazioni per dei regali che non finiranno per accumularsi nelle vostre case e nelle vostre vite:

  • corsi e lezioni: danza, cucina, lingue o qualsiasi hobby interessante che puo piacere al destinatario
  • donazioni a nome di qualcun altro per enti benefici, rifugi per animali, onlus eccetera
  • cura per il corpo, capelli, mani e piedi, massaggi, trattamenti di bellezza o curativi
  • abbonamenti a musei, associazioni culturali, squadre sportive, Netflix, Spotify
  • cibo: cene a ristorante, chef a domicilio, degustazioni di cibo o vino
  • intrattenimento: da sbizzarrirsi tra biglietti di concerti, visite guidate, teatro, esperienze particolari tipo escape room, cene al buio, cinema, parchi avventura. eventi sportivi
  • il nostro tempo: babysitting, riordino, pulizie, lavaggio auto, dogsitting
  • qualcosa che diventi un ricordo: album di fotografie, ricettario di famiglia, fotografie dei lavoretti dei bambini (che in questo modo si potranno anche eliminare, conservandone una traccia)
  • una notte o due in un hotel o agriturismo o una smartbox per viaggio
  • ospitare amici o famigliari per una serata insieme tutto compreso (cena, bere, torta fatti di persona-vino escluso)
  • una lettera scritta con tutto il cuore
  • essendo io una fotografa, non posso dimenticare di consigliare una sessione fotografica di famiglia o personale (per una volta mi farò pubblicità, quindi se vi servono informazioni basta chiedere 🙂 )

Abbiamo poi dei regali che sono oggetti, ma che sono consumabili, quindi allo stesso modo non finiranno dimenticati in qualche cantuccio:

  • the, caffè, vini, cioccolato di qualche marchio particolare, magari costoso o non facilmente reperibile nella grande distribuzione
  • fiori… chi non ama i fiori?
  • candele profumate (le migliori rimangono quelle del noto marchio americano che ormai spopola in tutti i negozi di arredamento)

Infine non dimentichiamo i più piccoli, ai quali indistintamente si tende a regalare sempre giocattoli, che si accumulano e il più delle volte stancano dopo pochi utilizzi. Queste idee possono sicuramente rappresentare una valida alternativa:

  • corso di danza + scarpette o corso di calcio + scarpini, oppure nuoto + costume, judo o karatè + kimono ecc.
  • scuola di fotografia per bambini
  • scuola di pasticceria per bambini
  • attrezzatura per hobby creativi (io da bambina amavo disegnare e creare col pongo o das)
  • visite ad acquario, museo, zoo (anche se non amo l’idea degli animali in gabbia)
  • cena fuori + cinema
  • vacanze di famiglia
  • gita a parchi tematici o acquapark

Come vedete, per tutti le idee non mancano… basta pensare un po “out of the box” come dicono all’estero. E voi quale regalo vi piacerebbe ricevere, che non sia un oggetto, o cosa avete regalato di immateriale che non è in questa lista? scrivetemi!

I rotolini di KonMari

Un aspetto divertente del riordino che segue un significativo sgombero dei nostri spazi è il modo in cui si possono sistemare i capi di abbigliamento che abbiamo deciso di conservare. Questi, secondo le guru del minimalismo, dovranno essere i nostri preferiti, quelli che ci donano e che hanno un valore intrinseco. Fin da subito ho trovato gradevole il risultato ottenuto riponendo le cose come fa la giapponese de “Il magico potere del riordino”: in pratica si crea un rettangolo piegando in tre verticalmente il capo, poi a metà e poi ancora in tre. Si va così a creare un “rotolino” che dovrebbe stare in piedi da solo. Questo va poi inserito in una scatola o altro contenitore, accanto ai suoi compagni, in modo da averli allineati uno a fianco all’altro, disponibili alla vista e alla fruizione (cosa che non accade con il modo tradizionale di impilare le cose una sull’altra).

Si va a creare nei cassetti e nelle ante dell’armadio un’esposizione di ogni pezzo che compone la nostra collezione, come spesso accade nei negozi, dove tutto sembra così perfetto e invitante.

Un altro consiglio è quello di appendere i capi dal più lungo al piu corto, ordinando dal più scuro al piu chiaro partendo da sinistra verso destra. Questo dovrebbe mimare l’ascesa del nostro spirito e portarci verso luce e leggerezza.

In seguito trovate alcune foto di come mi sono divertita a piegare secondo il metodo KonMari.